Toponomastica - Cambiamento del nome a una via

Descrizione: 

L'attribuzione di un nome ad una via o ad una piazza viene deliberata dalla Giunta comunale che, di norma, si attiene al principio di conservazione dell'omogeneità che caratterizza la zona, privilegiando i riferimenti legati alla storia e alla cultura locale.

Adempimenti: 

Divenuta esecutiva, la deliberazione viene trasmessa alla Prefettura, che, sentiti i pareri della Deputazione di Storia Patria per la Lombardia di Milano e della Soprintendenza per i beni Ambientali e Architettonici di Milano, autorizza, ai sensi della Legge 23.6.1927 n. 1188, l'intitolazione delle nuove vie.

Seguirà l'acquisto della targa e la sua collocazione da parte del Comune.

Il Servizio provvede quindi ad aggiornare gli archivi, registrando la nuova via sulle carte topografiche schematiche e assegnando i codici di appartenenza secondo diverse suddivisioni: sezione elettorale, circoscrizione, zona postale, distretto sanitario, circolo scolastico, ecc. La comunicazione della nuova denominazione o la variazione toponomastica e/o numerazione civica viene inviata ai vari servizi comunali, agli organi di stampa, agli enti territoriali (TELECOM, ENEL, ASM, INPS, ASL) ed a altri enti istituzionali territoriali, quali Questura, Polizia Stradale, Comando dei Carabinieri, ecc

Costi: 
Nessun costo.
Ufficio di riferimento: Anagrafe