Qualità dell'ambiente: Amianto

CONVENZIONI COMUNALI PER RIMOZIONE E SMALTIMENTO AMIANTO

La presenza di amianto negli ambienti di vita, in particolare quello utilizzato per le coperture degli edifici è un tema di particolare importanza che desta interesse nella cittadinanza, sia per gli aspetti di carattere ambientale e sanitario che per quanto riguarda gli adempimenti normativi e procedurali che sono in capo non solo agli Enti pubblici chiamati a ricoprire specifici ruoli ma anche agli stessi cittadini.

Nel mese di luglio del 2012, la Regione Lombardia ha emanato la Legge N. 14 avente ad oggetto: “Norme per il risanamento dell’Ambiente, bonifica e smaltimento dell’amianto”, legge che ha introdotto significative modifiche alla precedente normativa, pari titolo, N. 17 del 2003.

Tale novità legislativa richiama l’obbligo, già previsto dal 2003, di comunicare alla Asl competente per territorio, la presenza di amianto o di materiale contenente amianto negli edifici.

La Regione Lombardia (con Delibera della Giunta Regionale n° X/3494) persegue gli intenti proclamati con la Legge Regionale 17 del 2003 e prevede la possibilità per i Comuni di stipulare convenzioni con le imprese specializzate nel ritiro e nello smaltimento dell’amianto in matrice compatta.

Come previsto dal Piano Regionale Amianto Lombardia, in Lombardia vige quindi l’OBBLIGO di bonifica dei materiali contenti amianto da parte dei proprietari degli immobili. Per bonifica si intendono diverse procedure che impediscono la dispersione delle fibre di amianto nell’ambiente che vanno dalla messa in sicurezza al definitivo smaltimento.

Sottolineato quindi che:

- la presenza di amianto e/o rifiuti contenenti amianto in stato di degrado costituisce un potenziale rischio per la salute pubblica;

- le procedure da seguire per effettuare le bonifiche comportano oneri a carico del cittadino,

- al fine di evitare l’abbandono dei materiali contenenti amianto sul territorio, causa di grave danno ambientale e sanitario, e di superare le difficoltà tecnico-amministrative-economiche per la rimozione degli stessi, che possono costituire un disincentivo allo smaltimento; Regione Lombardia, fermo restando l’obbligo della bonifica a carico dei proprietari, promuove iniziative di incentivazione alla rimozione e allo smaltimento, favorendo il calmieramento dei prezzi;

- in attuazione delle direttive della Regione Lombardia, atte alla eliminazione della presenza dell’Amianto su tutto il territorio Lombardo, e in attuazione del programma amministrativo di mandato di questa Amministrazione Comunale;

Si rende noto che il Comune di Rezzato ha stipulato, il 16 giugno 2017, ai sensi della sopraccitata Delibera della Giunta Regionale n° X/3494, una CONVENZIONE per le operazioni di rimozione e smaltimento dell’Amianto con QUATTRO ditte specializzate nel settore, ottenendo significativi vantaggi per tutti i CITTADINI di Rezzato che ne vorranno usufruire. Nello specifico si tratta delle ditte:

1_ AT srl - che mette a disposizione il numero 035/4340064 per 5 giorni alla settimana (dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle ore 18.00) a cui i cittadini possono rivolgersi per ricevere informazioni;

2_ MONZANI UBALDO & FIGLI srl - che mette a disposizione il numero 039/6926751 per 5 giorni alla settimana (dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00) a cui i cittadini possono rivolgersi per ricevere informazioni;

3_ LATTONERIA CAMUNA srl;

4_ F.LLI BENEDETTI srl.

Le informazioni di dettaglio a riguardo potranno essere dedotte dagli allegati presenti su questo sito ai LINK sotto riportati o presentandosi in orario di ricevimento all’Ufficio Ambiente del Comune di Rezzato presso il Municipio in Piazza Vantini n. 21 o telefonicamente al n. 030/249740.